La Firenze Sacra

(0)

Description

Le Basiliche di Firenze, luoghi dove la spiritualità e il desiderio di promozione sociale delle famiglie più abbienti della città hanno dato vita a capolavori artistici di inestimabile valore. Il tour può essere abbinato alla visita “Alla scoperta di Firenze”.

Santa Croce
La Basilica di Santa Croce con gli affreschi di Giotto, il precursore del Rinascimento e della sua scuola. E tante altre opere di Donatello, Vasari, Bronzino che hanno ulteriormente impreziosito questa bellissima chiesa medievale. E inoltre Santa Croce è considerata il mausoleo degli Italiani illustri poiché qui vi sono sepolti personaggi come Michelangelo, Galileo Galilei, Niccolò Machiavelli, Gioacchino Rossini. Nel chiostro uno dei capolavori rinascimentali di Brunelleschi, la Cappella dei Pazzi.

Santa Maria Novella
Chiesa fondata dai frati Domenicani nel XIII secolo, ha una delle più belle facciate del Rinascimento. All’interno della sobria basilica gotica potrete ammirare il commovente Crocifisso di Giotto; la “Trinità” di Masaccio, considerato il prototipo dell’affresco rinascimentale in prospettiva; la Cappella Tornabuoni affrescata da Domenico Ghirlandaio, esempio mirabile di come le famiglie dell’epoca usavano l’arte come propaganda personale: una vera e propria fotografia della società fiorentina del XV secolo.

Santa Trinità
Fondata nel XI secolo, la chiesa testimonia i numerosi cambiamenti occorsi durante i secoli. All’interno della chiesa, tra affascinanti sculture e pale d’altare, scoprirete i meravigliosi affreschi della Cappella Sassetti interamente decorata da Domenico Ghirlandaio, il maestro di Michelangelo.

Santo Spirito
Attraversando il fiume Arno vi troverete immersi nell’atmosfera di uno dei quartieri più autentici della città, l’Oltrarno, brulicante di artigiani, piccoli caffè e antiche trattorie. Ed è qui che Brunelleschi ci ha lasciato la sua ultima fatica: la Basilica rinascimentale di Santo Spirito con le sue 38 cappelle appartenute alle ricche famiglie dell’epoca. Potrete ammirare le pale d’altare e i dipinti commissionati per la chiesa e ancora oggi al loro posto oltre al Crocifisso ligneo scolpito dal giovane Michelangelo nella Sacrestia della chiesa.